scritturaimmanente.it
home
scrittura immanente
autori
analisi testuale
letture
contributi
link

-- Kafka: vita e opere --la Praga di Kafka - autori praghesi ed ebraici - percorsi letterari

 

FRANZ KAFKA

LA METAMORFOSI


Atomi e frammenti

 

 

inizio della fine

"Riposava sulla schiena, dura come una corazza, e sollevando un poco il capo vedeva il suo ventre arcuato, bruno e diviso in tanti segmenti ricurvi, in cima a cui la coperta da letto, vicina a scivolar giù tutta, si manteneva a fatica. Le gambe, numerose e sottili da far pietà, rispetto alla sua corporatura normale, tremolavano senza tregua in un confuso luccichio dinanzi ai suoi occhi" (p. 157)

 

 

 

fatica

"E si mise all'opera per spostare, con una oscillazione sempre uniforme, il corpo in tutta la sua lunghezza fuori del letto. Lasciandosi cadere in questa maniera, il capo, che cadendo voleva tenere ben sollevato, doveva rimanere logicamente illeso. La schiena sembrava essere dura, e cadendo sul tappeto non si sarebbe forse danneggiata. La preoccupazione più grave era per lo schianto che sarebbe avvenuto ..." (p. 162)

 

 

 

solitudine

"Spesso se ne stava lì intere e lunghe notti, senza dormire un minuto e raschiando per delle ore il cuoio. Oppure, senza spaventarsi della fatica, spingeva una seggiola verso la finestra, si arrampicava sul davanzale puntellandosi sulla sedia e vi si affacciava poi, evidentemente per un vago ricordo del senso di liberazione che provava una volta a spaziare fuori con lo sguardo" (p. 181)

 

 

 

 

Considerazioni >>>

Una lettura >>>

Analisi testuale >>>

Parole >>>

Percorsi >>>

Riflessioni >>>

I vostri commenti >>>

 

 

 

torna su

 

 

 

2003-2004 © Elisabetta Bertozzi - tutti i diritti riservati